Il noleggio a lungo termine allarga i propri orizzonti. Lo conferma Aniasa, Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici, che fotografa l’attuale situazione nel 14° Rapporto sulla mobilità.

Il settore del noleggio a lungo termine sta allargando i propri servizi dal terreno delle flotte aziendali per puntare sulla clientela individuale, cioè i titolari di partita Iva e i privati in senso stretto, con l’utilizzo del codice fiscale. Questi rappresentano il 2,8% al fatturato complessivo del comparto, con volumi intorno alle 8.000 vetture.

Sono molte le aziende di noleggio a lungo termine che hanno attuato una specifica strategia per far comprendere il settore ad un target ancora lontano e disinformato a riguardo.

I primi esperimenti volgono alla rassicurazione morale di chi decide di rinunciare all’auto di proprietà, a tutti i suoi costi accessori e problematiche amministrative e lungaggini burocratiche. Pur senza beneficiare di agevolazioni fiscali, i privati, scelgono sempre di più il canone onnicomprensivo del noleggio a lungo termine.
Sta funzionando! Fino a tre anni fa i privati interessati al servizio sfioravano l’1%.

Con questo progressivo allargamento del servizio di noleggio auto a lungo termine, il comparto, erode giorno dopo giorno, quote di mercato al leasing. Oggi più che all’aspetto finanziario, le agenzie broker di noleggio a lungo termine convincono il privato sull’eccellenza dei servizi da loro offerti puntando alla personalizzazione secondo le abitudini quotidiane del cliente.